Traffico in tilt! La mattinata “nera” della viabilità a Nola
𝘚𝘵𝘳𝘢𝘥𝘦 𝘤𝘩𝘪𝘶𝘴𝘦, 𝘢𝘤𝘲𝘶𝘢 𝘢𝘭𝘵𝘢 𝘦 𝘴𝘯𝘦𝘳𝘷𝘢𝘯𝘵𝘪 𝘢𝘵𝘵𝘦𝘴𝘦. 𝘖𝘳𝘦 𝘥𝘪𝘧𝘧𝘪𝘤𝘪𝘭𝘪 𝘱𝘦𝘳 𝘤𝘩𝘪 𝘱𝘳𝘦𝘯𝘥𝘦 𝘭'𝘢𝘶𝘵𝘰 𝘢 𝘕𝘰𝘭𝘢

  Traffico in tilt! La mattinata “nera” della viabilità a Nola   𝘚𝘵𝘳𝘢𝘥𝘦 𝘤𝘩𝘪𝘶𝘴𝘦, 𝘢𝘤𝘲𝘶𝘢 𝘢𝘭𝘵𝘢 𝘦 𝘴𝘯𝘦𝘳𝘷𝘢𝘯𝘵𝘪 𝘢𝘵𝘵𝘦𝘴𝘦. 𝘖𝘳𝘦 𝘥𝘪𝘧𝘧𝘪𝘤𝘪𝘭𝘪 𝘱𝘦𝘳 𝘤𝘩𝘪 𝘱𝘳𝘦𝘯𝘥𝘦 𝘭'𝘢𝘶𝘵𝘰 𝘢 𝘕𝘰𝘭𝘢
Tempo di Lettura: 2 minuti

NOLA | Strade chiuse, acqua alta e lavori in corso. E’ stata una mattinata nera per la viabilità nolana. Traffico in tilt già dalle 8 del mattino, con enormi disagi, e ritardi, per chi doveva recarsi sul posto di lavoro, ma non solo. Complice degli ingorghi l’impraticabilità di alcune strade, dovuta alle copiose piogge di ieri, nonché dalla oramai famigerata chiusura della rampa d’accesso alla Statale 7/Bis.

La rampa di accesso alla statale ed al casello autostradale, resterà interdetta per chi proviene da Nola, fino al prossimo 2 dicembre, per lavori programmati di ANAS. Un disagio non da poco, non solo per chi deve recarsi a lavoro nel distretto Vulcano – CIS – Interporto, ma anche per i tanti mezzi pesanti che utilizzano la strada statale e l’autostrada. Il percorso “consigliato” prevede proseguire diritto fino alla rotonda nei pressi del Hotel Ferrari BW, per invertire il senso di marcia ed accedere alla Statale utilizzando la rampa d’accesso per chi proviene da San Vitaliano. Sono in molti però che, in barba alle indicazioni, decidono di “tagliare” nettamente la strada, immettendosi contromano sull’unica rampa ancora accessibile, in barba alla striscia continua che divide le due carreggiate, bloccando il traffico anche a chi deve proseguire in direzione Nola. Una negligenza da parte degli automobilisti frustrati dalla lunga attesa in coda.

“ACQUA ALTA” A NOLA

A peggiorare ulteriormente la situazione è l’impraticabilità (anche se in molti ci provano lo stesso) del sottopasso della A16 di via Croce del Papa. nei pressi dei campi di calcetto. La bomba d’acqua di ieri ha trasformato la strada in un vero e proprio canale veneziano, provocando non pochi disagi. L’arteria è quella solitamente utilizzata non solo dai Nolani, ma anche dagli abitanti dei comuni limitrofi, per raggiungere l’accesso all’autostrada. L’imponente massa d’acqua ha di fatto deviato il traffico su Via Polveriera, con tempi di percorrenza allucinanti: un’ora circa dalla rotonda del ex Villaggio Preistorico a quella di Via Nazionale delle Puglie, sempre nei pressi del Hotel Ferrari BW.

Un traffico in tilt, che ha provocato la rabbia di quanti, questa mattina, per tratti di strada che, solitamente si percorrono in 5 minuti, hanno impiegato almeno 1 ora (e più). Manutenzione delle strade, anche post-pioggia, e controlli della viabilità totalmente assenti. Queste le lamentele più comuni che hanno riempito i social fin dalle prime ore del mattino. Il traffico continua a persistere anche nel pomeriggio, con la variante 7 bis che vede ancora rallentamenti in direzione San Vitaliano. Meno problematica, al momento, la viabilità del centro cittadino, anche grazie alla riapertura del sottopasso di Via Antica Muraglia.