Scuola, vaccini e isole. Due nuove ordinanze firmate da De Luca

Scuola, vaccini e isole. Due nuove ordinanze firmate da De Luca
Tempo di Lettura: < 1 minuto

NAPOLI – In attesa della conferma di un possibile passaggio della Campania in “zona gialla”, quella con il minor numero di restrizioni, arrivano due nuove ordinanze a firma del Governatore, Vincenzo De Luca.

I nuovi provvedimenti riguardano nuove regolamentazioni sulla didattica in presenza e sulla campagna vaccinale, con occhio particolare alle Isole. Per quanto riguarda la scuola, nei casi in cui non sia possibile garantire la soglia minima stabilita di presenza per le scuole secondarie superiori (il 70%), sarà compito dei dirigenti scolastici adottare forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica per assicurare il rispetto del distanziamento minimo richiesto dai protocolli vigenti. Sarà, in ogni caso, assicurato almeno il 50% delle presenze. La regione chiede, inoltre, alla direzione generale mobilità di monitorare l’attuazione del Piano dei trasporti scolastici, definiti con le singole prefetture, e di attivare ulteriori servizi aggiuntivi, in modo da assicurare le condizioni di sicurezza per l’utenza, anche in vista del ritorno in classe per gli studenti campani.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale, viene dato mandato alle ASL Napoli 1 e Napoli 2, non appena terminata la vaccinazione delle fasce fragili, di strutturare il nuovo calendario delle somministrazioni, includendo, secondo un ordine decrescente di età, i cittadini isolani aventi residenza, domicilio o dimora ad Ischia, Capri e Procida. Ad avvenuta somministrazione di almeno il 90% degli aderenti, sarà possibile vaccinare le persone stabilmente impegnate lavorativamente sui territori isolani. Una scelta mirata a rilanciare il turismo sulle isole campane, in vista della prossima estate.

De Luca ha inoltre autorizzato le aziende sanitarie campane, nell’ambito delle fasce di età previste dal piano vaccinale vigente, ad organizzare sedute di vaccinazioni ad accesso libero, al fine di offrire la maggiore offerta possibile di somministrazione per gli aventi diritto.