Ristorazione, librerie e festività. Ecco l’ultima ordinanza della regione Campania

Ristorazione, librerie e festività. Ecco l’ultima ordinanza della regione Campania
Tempo di Lettura: < 1 minuto

“un primo passo e di un primo segno di rilancio delle attività economiche secondo una linea di responsabilità e di prudenza, che richiede da parte di tutti il rispetto rigoroso delle regole di tutela della propria e dell’altrui incolumità”. Queste le parole del governatore, Vincenzo De Luca, in merito all’ordinanza numero 37, firmata in giornata, che regolarizza il futuro prossimo delle attività commerciali sul territorio regionale.

Dal 27 aprile, come già annunciato sulle nostre pagine, semaforo verde per il cibo da asporto. Saranno, infatti, consentite le attività e i servizi di ristorazione, tra cui pub, bar, gastronomie, ristoranti, pizzerie, gelaterie e pasticcere. Bar e pasticcerie potranno offrire servizi nella fascia oraria che va dalle 7 del mattino alle 14 del pomeriggio, mentre tutte le altre attività, dovranno operare dalle 16 alle 22. Tutti avranno l’obbligo di lavorare sono con la modalità di prenotazione telefonica o on-line e con consegna a domicilio, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie imposte dalla regione, specificate in allegato al decreto (scarica qui)

Sempre da lunedì, potranno rialzare le saracinesche librerie e cartolerie, nella fascia oraria che va dalle 8 alle 14, con l’adozione di misure organizzative atte a promuovere la vendita on-line o telefonica, e la consegna a domicilio.

L’ordinanza regola, inoltre, l’attività degli esercizi commerciali impegnati nella vendita di beni di prima necessità, per i prossimi, imminenti, giorni festivi. Supermercati e alimentari chiusi, dunque, nel pomeriggio del 25 aprile, e per le intere giornate di domenica 26 e del 1 maggio. Fanno eccezione farmacie, parafarmacie, edicole e distributori di carburante. Resteranno attivi i distributori automatici di tabacchi.