Coronavirus: il bollettino del 21 gennaio. 1215 nuovi casi in Campania

Coronavirus: il bollettino del 21 gennaio. 1215 nuovi casi in Campania
Tempo di Lettura: 2 minuti

Sono 1215 i nuovi casi di positività al CoronaVirus (su 15.473 tamponi effettuati, con una percentuale del 7,8%) in Campania. Il numero dei malati attivi, sul territorio regionale, è attualmente di 71.178.

Si registrano 863 nuove guarigioni, che porta il numero dei guariti a superare quota 136mila (sono 136.008). Da registrare 40 decessi, di cui la metà nelle ultime 48 ore, gli altri 20 sono deceduti in precedenza ma registrati solo ieri). In Campania, da inizio pandemia, i contagiati sono stati 210. 697. La situazione ospedaliera vede 100 persone in terapia intensiva e 1440 in ricovero ordinario.

SALE ANORA IL TASSO DI POSITIVITA’ A LIVELLO NAZIONALE: OGGI E’ AL 5,2%

In Italia, sono 14.078 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore, in aumento rispetto ai 13.571 di ieri. 267.567 i tamponi effettuati, di cui il 5,2% con esito positivo (ieri la percentuale era al 4,8%). Sono 521 in nuovi decessi da registrare (ieri erano stati 524). I malati attivi sono ora 516.568 (-6985) grazie alle 20.519 guarigioni delle ultime 24 ore. In totale i casi di Covid registrati in Italia sono 2.428.221, di cui 1.827.451 guariti e 84.202 deceduti.

SUPERA QUOTA 18 MILA IL NUMERO DEI VACCINATI

Sono 18.871 le persone attualmente vaccinate in Italia (ossia coloro a cui sono state somministrate entrambe le dosi del siero anti-covid). Completata la profilassi, dunque, per oltre 10 mila persone in più rispetto al dato di ieri.

Le dosi somministrate in Italia sono 1.266.402. La regione con la percentuale più alta di somministrazione è il Piemonte con il 95,1% di dosi somministrate rispetto a quelle ricevute. La Campania, che occupa il 5° posto (89,9% dei vaccini somministrati, ossia 107.744 dosi) ha ricevuto, nella serata di ieri, la comunicazione che le dosi del vaccino previste nella prossima fornitura (quella attesa per il 25 gennaio) saranno la metà di quelle preventivate. Una scelta che ha messo in allarme il Presidente, Vincenzo De Luca, che si dice “Pronto a tutelare la Campania in ogni sede”