L’ambiente bene costituzionalmente protetto: convegno della Scuola Bruniana

L’ambiente bene costituzionalmente protetto: convegno della Scuola Bruniana
Tempo di Lettura: < 1 minuto

«L’ambiente, un “nuovo” bene costituzionalmente protetto». Questo il titolo del convegno che si terrà giovedì 7 aprile, a partire dalle 15,30 presso l’aula magna dell’ex Università Parthenope in piazza Giordano Bruno, a Nola. L’incontro è organizzato dalla Scuola Bruniana – Fondazione forense di Nola e dall’Ordine degli Avvocati di Nola e darà diritto a tre crediti formativi (per iscriversi è necessario mandare una email a scuolabruniana@pec.it). A fare i saluti introduttivi saranno il direttore della Scuola Bruniana, avvocato Vincenzo Salvati, il commissario straordinario dell’Ordine degli Avvocati di Nola, avvocato Biancamaria D’Agostino, il presidente della Prima Sezione civile del Tribunale di Nola, dottore Geremia Casaburi, il sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Nola, dottoressa Patrizia Mucciacito. Le relazioni sono state affidate, invece, all’imprenditore della green economy, dottor Angelo Bruscino, al professore avvocato Vincenzo De Falco, docente di Diritto pubblico comparato dell’Università “Vanvitelli”, al Vicario Episcopale per la Carità e la Giustizia della Diocesi di Nola, don Aniello Tortora. Modera la segretaria della Scuola Bruniana, avvocato Giuseppina Lanzaro.   L’8 febbraio 2022 sono state approvate le modifiche agli articoli 9 e 41 della Costituzione, che introducono la tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli animali tra i principi fondamentali della Carta costituzionale.