Sequestro di persona, detenzione e porto d’armi: due arresti

I fatti sarebbero avvenuti tra Afragola e Somma Vesuviana con modalità brutali ed aggressioni in danno della vittima, che veniva anche sequestrata per oltre un’ora e percossa.
I fatti sarebbero avvenuti tra Afragola e Somma Vesuviana con modalità brutali ed aggressioni in danno della vittima, che veniva anche sequestrata per oltre un’ora e percossa.

AFRAGOLA | Lo scorso venerdì, la Squadra Mobile di Napoli e il Commissariato PS di Afragola hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Tribunale di Napoli – Ufficio G.I.P. a carico di due persone, ritenute gravemente indiziate dei reati di sequestro di persona, detenzione e porto di armi (anche da guerra), lesioni e rapina, tutti aggravati dal metodo mafioso.

In particolare, i fatti sarebbero avvenuti in Afragola e Somma Vesuviana con modalità brutali ed aggressioni in danno della vittima, che veniva anche sequestrata per oltre un’ora e percossa.

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunti innocenti fino a sentenza definitiva.

Facebook
Twitter
LinkedIn