Amministative2022 Nola | Prima uscita per il candidato sindaco Carlo Buonauro

NOLA – Grande successo di pubblico alla prima uscita di piazza del candidato sindaco Carlo Buonauro, il quale  ieri sera si è presentato ai suoi elettori. A dominare la serata sono stati la commozione e tanta  determinazione: i sentimenti cioè che si sono avvertiti tra il pubblico fino all’ultimo minuto. 

Numerosi i temi toccati dal candidato sindaco nel suo discorso, da quelli legati alle frazioni di Polvica e di  Piazzolla, a quelli delle zone meno centrali della città. “Il primo consiglio comunale – ha annunciato il  candidato – abbiamo intenzione di farlo a Piazza D’Armi: questo per lanciare un segnale preciso del grande  interesse che avrà la nostra amministrazione per arrivare al recupero della piazza e della grande caserma  Principe Amedeo”. 

A prendere la parola, oltre a Buonauro, sono stati anche i rappresentanti delle liste che fanno parte della  coalizione, e cioè:  

lista Buonauro sindaco, Nola al centro: Nicola Caliendo 

– lista Movimento 5 Stelle: Carmine Sautariello 

– lista Nola bene comune con il Movimento Piazza D’Armi: Alberto Ruggiero 

– lista Nola Democratica: Luigi Ferrante 

lista Nola Nostra: Armando Vallone 

– lista Partito Democratico: Antonio Daniele 

Al centro dell’attenzione anche i problemi del centro storico: “Non è possibile – ha commentato Buonauro – che il centro cittadino sia ridotto ad un deserto, ed al tempo stesso non è possibile che il commercio sia in  condizioni così critiche”. L’aspirante sindaco ha anche dettato le regole per la campagna elettorale. “Da  questa coalizione – ha detto – non sentirete nessuna parola di scherno o di attacco verso gli avversari politici.  Il nostro metodo non è quello di attaccare gli altri, ma è quello di proporre una soluzione che sia più  performante rispetto a quelle proposte altrove”.  

La legalità – ha concluso infine il candidato sindaco – è un prerequisito di qualunque attività, che  naturalmente non può mai essere messo in discussione, per il semplice motivo che non deve esistere nulla  che non sia nel pieno rispetto delle regole”.

Facebook
Twitter
LinkedIn