Arriva a Nola la vera pinsa romana.

Arriva a Nola la vera pinsa romana.
Tempo di Lettura: < 1 minuto

Da Roma a Nola nel segno di un’antica tradizione. Arriva nella città dei Gigli la vera pinsa romana, piatto tipico della capitale, caratterizzata da una lenta e sapiente lavorazione delle materie prime. 
L’iniziativa porta la firma di “nà pausa”, noto locale all’interno del piccolo centro commerciale “Hyria” di via variante 7/bis dell’imprenditrice Maria Grazia Galeotafiore.
Diversi i gusti proposti dal giovane chef Erasmo che, accanto ai sapori della tradizione come il pomodoro ed il basilico, non fa mancare ingredienti più particolari che rendono il piatto ricco, gustoso ed accattivante.
“Parliamo della vera pinsa romana”, afferma lo chef, “una pietanza dall’impasto morbido e croccante allo stesso tempo e dotata di una fragranza unica e altamente digeribile”.
La pinsa romana ha origini antichissime e può essere considerata un’antenata della pizza. Il suo nome deriva dal verbo “pinsare”, che significa allungare, stendere: da qui la forma ovoidale. La miscela di farine (frumento, riso e soia), la bassissima quantità di lievito naturale e la lunga maturazione dell’impasto fanno della Pinsa Romana un prodotto eccellente, anche per i palati più delicati.
Non solo pinsa. A caratterizzare il menù di “nàpausa” anche piatti della tradizione napoletana che possono essere gustati all’aperto nell’area attrezzata esterna, sia a pranzo che a cena ma anche per una pausa veloce, dolce o salata.
E nelle prossime settimane la pinsa arricchirà anche il menù del marchio “nàpausa” all’interno del centro commerciale Smart Space di Casamarciano.