Al Giugliano basta un tiro in porta. Nola bello e sprecone

Un film già visto, due settimane fa, in casa contro il Palermo: una squadra costruita per vincere messa sotto da un gruppo di giovanissimi ma con le idee chiare. E come nel più classico dei copioni, ai grandi attaccanti basta una mezza occasione per segnare: al 36° Caso Naturale non perdona, e sarà il primo e ultimo tiro del Giugliano. Prima e dopo, tantissimo Nola, che a poche ore dalla gara ha dovuto rinunciare a Cappiello (lieve affaticamento). Il palo di Gaye nel finale contribuisce solo ad aumentare l’amarezza in casa bianconera, per la terza sconfitta di fila allo Sporting.

AZIONI SALIENTI

Al 2’ grande occasione per il Nola con Cardone che da 9 metri la mette a lato dopo una bella iniziativa di Gaye sulla sinistra. Al 10’ occasionissima Nola: cross di Gargiulo, testa di Di Caterino neutralizzato dal portiere gialloblù. Sull’angolo seguente, a tu per tu con il portiere del Giugliano, Mileto calcia alto. Al 34’ ancora Nola vicino al gol: cross teso di Todisco su cui si avventa di testa Gaye ma ancora una volta Mola chiude la porta ai bianconeri Al 37’ il gol Giugliano: contropiede preciso concluso da Caso Naturale che anticipa l’uscita di Capasso. Al 67’ il Nola attacca e con Cardone prova a colpire dal limite dell’area ma il destro del centrocampista bianconero finisce di poco alto. Al 75’ sugli sviluppi di un corner ci prova con un colpo complicato Mileto ma il pallone va alto. All’ 80’ palo del Nola: il cross tagliato e forte di Gaye finisce sul palo ma sulla ribattuta Sannia spara a lato da buona posizione. E’ l’ultima occasione. Il Giugliano sale a quta 19 punti, il Nola resta fermo a 13

POSTGARA

Francesco Montervino nel post partita: “Sta diventando una brutta abitudine questa di commentare grandi prestazioni in cui veniamo puniti al primo e unico tiro in porta.” Cappiello out poche ore prima della gara: “Lui ed Esposito sono i nostri finalizzatori, ma per ora sono riusciti a giocare 2 partite a testa.In una partita così ci avrebbero dato sicuramente più concretezza”. Prima della gara il Nola ha consegnato una targa commemorativa per il compianto Salvatore Sestile: “I grandi uomini come Salvatore vanno onorati e ricordati, il nostro gesto era doveroso”.

TABELLINO

Reti: 36’ Caso Naturale

NOLA (3-4-3): Capasso; Gargiulo, Mileto, Reale; Todisco (71’ Marigliano), Cardone (81’ Sannia A.), Langella, Guarro; Di Caterino (60’Serrano), Stoia (78’ Sannia S.), Gaye. A disp.: Anatrella, Raimondi, Marrella, Andrulli, Giliberti. All. Esposito.

GIUGLIANO (4-3-3): Mola; Micillo, Di Girolamo, Colombatti, Mennella; Liccardo, Tarascio, Capone (73′ Orefice); Caso Naturale (81′ Carbonaro), Alvino (72’ Ruggiero), De Vena. A disp.: Maisto, Miranda, D’Alessandro, Carbonaro, Dell’Aria, Nebula, Manzo. All. Agovino.

ARBITRO: Casalini di Pontedera (assistenti: Signorelli di Paola e Fanara di Cosenza)

NOTE: Ammoniti: Mileto, Tarascio, Mola, Langella. Spettatori 750 circa